mercoledì 15 gennaio 2014

Racconti d'inverno

Dopo un bel po' di tempo e dopo il mio mese di "reclusione" all'Emisfero, apro queste pagine rendendomi conto di essermi fermata prima del grande evento ... per non ripartire più. Insomma, ho dedicato tanto tempo ai preparativi del materiale da esporre, all'allestimento della bancarella , al lavoro notturno per integrare costantemente le creazioni ... e non ho documentato niente! E' stato un mese decisamente impegnativo. Sono letteramente "sparita" da casa ( per le bambine una sofferenza!) , dalle amicizie e in genere da tutto per rintanarmi con un'orario impossibile nello spazio che mi era stato assegnato all'interno del centro commerciale. Poche le ore di "aria" dedicate esclusivamente alle bambine e tutto il resto si quasi bloccato in quei quattro metri di tappeto blu. Sembra che la descriva come una tragedia ... in realtà ne è valsa la pena e a parlarne adesso sembra quasi sia passata una vita da che ero lì ogni giorno! Un'esperienza certamente da ripetere (tanto che a Pasqua ritorno per una settimana!) ... ma con criteri diversi : inanzitutto niente più "notti di lavoro" , devo arrivare al momento giusto pronta con tutte le creazioni già realizzate e potermi godere il meritato relax la sera al rientro a casa e in secondo luogo trovare anche un po' più di tempo da passare con le bambine che non ho praticamente visto per tutto il periodo!

Detto questo passo ai ringraziamenti : quello più grande va sicuramente a MIO PAPA' che per tutto il periodo mi ha "assistito" a cominciare dall'allestimento delle 7.00 di mattina del primo giorno, facendomi poi compagnia e addirittura sostituendomi per qualche ora nei pomeriggi in cui le bimbe non erano impegnate con le attività sportive per permettermi di ritornare a casa e coccolarmele un po'. Aggiungo anche la mano d'opera nel realizzare supporti vari , sia per l'allestimento (espositori di collane e da banco in generale) , sia quali basi di varie creazioni. Un giorno è arrivato con una borsa di tavolette - stile suo - pronte da decorare ... peccato non avere il tempo per realizzarne neanche un quarto!!! Saranno pronte per le creazioni con i fiori di primavera! La vigilia di Natale è stato il mio ultimo giorno e dopo aver incappucciato assieme il banco , è pure venuto il 27 dicembre nuovamente alle 7.00 di mattina ad aiutarmi sbaraccare tutto! Il grazie più grande è decisamente suo! Continuo col ringraziare tutti quelli (Giuliana, Rossella, mamma, suoceri, Federica... e scusate se ho dimenticato qualcuno!) che in mia assenza si sono presi cura delle mie bimbe facendole divertire e scarrozzandole per turismo e per necessità un po' dappertutto! Le gite con la Giuli al Mc.Donald's sono state eccezionali ... nonostante il disguido tecnico con improvvisato salvataggio e mancata cena di una giornata particolare che ancora ricordano! E cos'altro dire ... grazie a tutti quelli che mi sono venuti a trovare , facendo si che questa esperienza abbia dato i suoi frutti e anche a quelli che semplicemente sono venuti a salutarmi o a bere un caffè!

Una nota dolente (nel vero senso della parola!) è stato ed è ancora il mio piede che per tutto il periodo non mi ha dato tregua. Ho scoperto di avere qualcosa probabilmente "infilzato" nel tallone e ad oggi ancora non riesco ad appoggiarlo a terra. Dopo aver zoppicato per tutto il periodo all'Emisfero ed aver continuato a farlo causa chiusura natalizia del centro medico, continuo a farlo ulteriormente in attesa che mi chiamino per "la grande operazione" ... nel frattempo ho iniziato a lavorare per l'esposizione di primavera ... e visti i tempi dubbi di realizzazione dell'intervento , credo che altre uscite saranno difficili da programmare oltre a perdere la fiera di Vicenza che quest'anno hanno anticipato febbraio...!!!

Bene, credo aver raccontato in riassunto più o meno tutto...

Documento con delle foto terrificanti la bancarella e le sue evoluzioni. Per molte creazioni le foto sono state fatte direttamente sul banco ... ma per le singole devo ancora sistemare le foto ... un po' di pazienza e riemergo! 



Viste... da più punti di vista:





Un "cartello" in bella vista per non dover ripetere a tutti che non si tratta di pasta di sale ... ma pasta di mais. Dopo qualche giorno, per eliminare la cantilena, l'ho appeso davanti al naso di tutti ... hanno provveduto a leggere e a commentare la differenza da soli!




Ancora qualche scorcio:






Il "retro bottega" ovvero la mia postazione:


La rivista "Le idee di Casamia" che lo scorso anno ha pubblicato un servizio sulle mie collane. La espongo sempre , anche come base delle collane stesse, perchè è stata una grande soddisfazione per me vederle pubblicate!


Contenitori d'eccezione per le spille ... questi cassetti vengono da un posto molto importante ... di cui comincerò sicuramente a parlare in primavera. Anche qui il tocco di mio papà che li ha carteggiati, verniciati e ha cambiato i pomelli per uniformarli allo stile della bancarella.


Versione serale : un paradiso non dover togliere tutto dal banco ma semplicemente incappucciarlo per ritornare a scartarlo la mattina seguente!


A distanza di una settimana dall'inizio di questa avventura ho apportato qualche cambiamento in corso d'opera : inanzitutto, grazie al prestito fattomi da alessandra, è arrivato un mezzo busto che ho vestito di maglia e sciarpa che ha contribuito notevolmente ad incrementare la vendita delle spille dopo avergliele fatte sfoggiare! E' incredibile ma finchè hanno visto l'effetto finale , in tanti le toccavano (molte volte anche senza un reale interesse!) ma "non concludevano l'affare". Con l'arrivo di questa mezza lei invece è successa la magia per le spille e per le collane!  


Per poter esporne di più ho allungato verso la mia postazione ancora un espositore intrecciato che mi è servito per mettere in bella mostra ancora più colori e modelli ... e per poter fissare (finalmente!!! - ci ho messo una settimana a decidermi!) ... le luci natalizie con interruttore super frizzante (quelle avevo erano senza intermittenza!).


E ultima nota ... un consiglio spassionato che ho sparso un po' per il banco per indirizzare la scelta di chi a volte solo osservava ma poi tornava per far sua qualche creazione... chissà magari è pure servito! 


Adesso, senza troppo impegno ma con la giusta dose di tempo, ho già cominciato a mettere in piedi le basi per il lavoro primaverile e se tutto va bene (piede in primo luogo) , ci rivediamo allo stesso posto ai primi di aprile!!!

Nessun commento:

Posta un commento